Incontrare e Scopare

moglie troia di Potenza adora gli incontri outdoor

La domenica con mio marito siamo soliti andare in quel noto centro commerciale qui a Potenza, per far shopping e le compere che non riusciamo a fare in settimana.
Quel giorno, mentre mi accingevo ad indossare i miei jeans bianchi attillati, mi guardai allo specchio e decisi di fare qualcosa di più trasgressivo.
Mio marito era pronto, mi aspettava in auto, quando decisi di andare a rovistare nel mio cassetto per cercare qualcosa di stimolante. Decisi così di prendere il mio ovetto vibrante e infilarlo, spento, nella mia vagina.
Mio marito mi chiamò al telefono:”Lucia, sbrigati, sei pronta?”.
”Arrivo, amore.” esclamai!

Così feci le scale di corsa, entrai in macchina con mio marito e ci avviammo verso il centro commerciale.
Accesi la musica in modo tale che mio marito non sentisse ciò che stavo per fare.
Mentre stavo seduta, sul lato del passeggero, iniziai a muovere leggermente il bacino per sfregare il mio clitoride contro i jeans. Presi il telecomando dalla borsa e accesi il mio ovetto vibrante. Un brivido mi percorse la schiena per l’eccitazione improvvisa.
C’era qualcosa di me stessa che non avevo mai capito. Non so il perchè, ma con mio marito mi sono sempre mostrata in modo angelico, scopavamo poche volte al mese. Quando mi masturbo, invece, e anche con gli altri uomini, mi piace fare la troia.

Ho sempre amato gli incontri outdoor con uomini della mia città, a Potenza. Nelle ultime due settimane, presa da una voglia irrefrenabile avevo scopato con cinque uomini diversi, conosciuti sul sito di incontri a Potenza. Il mio nickname è sempre lo stesso ”moglietroia”. Amo farmi chiamare in quel modo.
Sì, mio marito ha una moglie troia ma senza saperlo.
Arrivati al centro commerciale, dissi a mio marito che volevo andare a comprare delle nuove scarpe, così ci dividemmo in diversi negozi.
Mentre camminavo per il centro commerciale, aumentai il livello di vibrazione del mio ovetto. La mia vagina iniziò a bagnarsi, mentre camminavo sentivo le gocce dei miei umori scendere verso i miei slip. Pensare di fare la moglie troia al centro commerciale, mentre mio marito faceva la spesa, mi eccitava ancora di più.

Entrai in un negozio di abbigliamento, presi un paio di jeans e li portai nel camerino per provarli. Tolsi i miei jeans, scostai le mie mutandine e iniziai a masturbarmi davanti allo specchio del camerino. La mia figa era completamente bagnata, le mie dita si muovevano su e giù sul clitoride e sentivo il calore che mi pervadeva tutto il corpo.
Iniziai ad ansimare, sapere di masturbarmi nel centro commerciale mentre mio marito faceva compere mi faceva sentire ancora più troia e mi eccitava ancora di più. Esplosi in un orgasmo inondante mentre l’ovetto vibrante continuava a muoversi dentro la mia vagina.

Sentii dei passi, qualcuno si stava avvicinando alla zona dei camerini.
”Tutto bene, signora?” sentii.
Rimasi in silenzio.
Sentii la tendina del camerino aprirsi e dallo specchio vidi un giovane ragazzo sui 20 anni che mi fissava mentre stavo seduta sullo sgabello con la figa che grondava gocce di umori sul pavimento.
Mi girai e con un gesto deciso lo presi dalla maglietta per portarlo dentro con me.

Sembrava piuttosto imbarazzato ma a me non importava, avevo voglia di scopare, ero troppo eccitata e la mia voglia andava soddisfatta.
Quel camerino era però troppo stretto per scopare, così mi rivestii in fretta, lo presi per mano e lo trascinai fuori dal centro commerciale.
Andammo sul retro del centro commerciale, lui non capiva cosa stava succedendo.
Questo incontro all’aria aperta si faceva sempre più cocente, quando mi avvicinai con il viso a lui e iniziai a baciarlo con passione. Mentre ci baciavamo una mia mano si diresse verso le sue mutande e iniziai ad accarezzarlo sul cazzo da sopra i jeans: era già duro!

Slacciai i suoi jeans e presi il suo grosso cazzo dritto in bocca, sentivo che si gonfiava all’interno delle mie labbra umide. Iniziai a leccargli la punta mentre con l’altra mano mi muovevo su e giù con gesti decisi. Lui iniziò ad ansimare quando venne copiosamente sulla mia bocca ed ingoiai ogni goccia del suo sperma.
Mi sentivo una moglie troia, e mi piaceva!

Lascia un commento